Ian Marquis – Faces from the Static

Ok peso forse 10kg in più causa Natale e forse ne peserò altri 5 in più causa Capodanno quindi non sono certo nel migliore degli animi e come me chissà in quanti altri siete nella stessa situazione.
Per farvi recuperare un po’ l’umore vi presento un artista davvero fantastico, viene da Maine e si chiama… Ian? Esatto Ian Marquis che ha imparato da solo a suonare, produrre, cantare… Insomma un figo che ci regala il suo album Faces from the Static.

Io sinceramente non sono un grande amante di questo genere del rock, ma QUESTO RAGAZZO veramente ha una marcia in più.

Parto con il tasto play (nah lo sto dicendo solo per enfatizzare… Ho semplicemente cliccato con il tasto destro del mouse) e inizia Hide And Seek… Puttana che canzone! Yes ce l’ho tipo in loop e mi sto fracassando le orecchie, voi ascoltatevela e diventate un po’ più furbi, se potete. Poi l’album ci grazia di Help Me Make It To The Night (guai a voi se pensate male) che è un altro pezzone figo quanto basta.

L’album prosegue liscio sino a Venus Aphasia, traccia che ci da un dritto calcio nei coglioni e si pone con prepotenza fra le migliori mai recensite su questo blog (ma di questo ne parleremo fra poco).

Heisenberg, Revisited… Ascoltatela, fidatevi. E detto questo ascoltatevi, e compratevi, tutto l’album! Perché Ian è un figo. http://ianmarquismusic.com/album/faces-from-the-static

Advertisements

One thought on “Ian Marquis – Faces from the Static

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s